L’importanza dei gruppi su Instagram: Telegram e Direct

Esattamente come te, anche io mi sono appassionato ad Instagram. Ho frequentato i corsi più venduti in Italia che svelano la strategie più avanzate, ho partecipato e partecipo attivamente in diverse community di appassionati.

Sino a qualche settimana fa la mia crescita poteva considerarsi normale. Anzi l’aggettivo più corretto era anonima. Leggevo testimonianze di utenti che riuscivano ad ottenere anche 10 mila followers al mese. Un misto di frustrazione ed invidia si impadroniva della mia mente e non mi permetteva di riflettere lucidamente. Sono molto onesto, mi sentivo davvero una schiappa. Ma come: chi racconta queste storie non è un mago di Instagram, ha frequentato i miei stessi corsi, ha la mia stessa esperienza ed il suo profilo è della stessa mia nicchia. Cercavo di trovare giustificazioni per quello che dentro di me consideravo un fallimento, ma sapevo di prendermi in giro.

C’era un aggravante in tutto ciò. Io sono un blogger, mi occupo di social media e web marketing, quindi dovrei partire in vantaggio su Instagram rispetto ad un non addetto ai lavori. Il mio senso di frustrazione aumentava sempre di più.

Di certo non mancava l’impegno. Mi svegliavo presto e per tutta la giornata mettevo in pratica le strategie imparate nei corsi. Ogni ora seguivo e smettevo si seguire nuovi profili, stando sempre attento a non superare i limiti di Instagram, esattamente come spiegato nei corsi. Era quella la strategia che ritenevo più efficace, ma mi sbagliavo di grosso. Lo avrei capito solo più tardi.

Seguire e poi smettere di seguire gli utenti non è una tecnica che puoi potare avanti per tutta la vita. All’inizio può essere necessaria, ma non si può pensare di attuare solo questa strategia all’infinito. Me lo stavo ripetendo ormai da giorni. Era avvilente essere consapevole che la gente cominciava a seguirmi solo per ricambiare il favore e non perché seriamente interessata alle mie foto.

Non ho mai pensato di mollare. Non volevo arrendermi, ma dovevo assolutamente cambiare marcia. La svolta è arrivata quando ho deciso di investire qualche euro in un paio di consulenze; una con un ragazzo italiano molto in gamba, l’altra con un giovane e simpaticissimo americano che fa parte di un grande network.

Se l’avessi fatto prima, se fossi stato un pochino meno presuntuoso, probabilmente non avrei perso due mesi ad arrovellarmi. La formula segreta in realtà l’ho sempre avuta sotto gli occhi, come tu del resto. Ne sono convinto. Nei corsi che abbiamo frequentato è stata spiegata, ma per una ragione che davvero non riesco a capire, non è stata sottolineata con la dovuta importanza. E soprattutto non è stata sviscerata nei dettagli.

Ebbene, il segreto per fare aumentare i tuoi followers su Instagram sono i gruppi. Non importa che siano Direct Group, oppure mega gruppi su Telegram. L’aspetto cruciale che devi imprimerti nella mente è che non è minimamente possibile pensare di raggiungere i risultati che sto ottenendo io da solo, senza il supporto di nessuno. Puoi stare tutta la vita a fare follow/unfollow senza mai arrivare neppure ad avvicinarti ai risultati ai quali ambisci e che sono sicuro che tu meriti.

La maggior parte degli utenti sottovaluta l’importanza dei gruppi. Parte con un atteggiamento sbagliato e ai primi rifiuti smette di cercare di essere inserito. In questo modo si preclude l’accesso alla più grande sorgente di crescita su Instagram. Ripeto, l’importanza dei gruppi non la scopro io. In molti prima di me lo hanno sottolineato.

Questa tecnica non è per tutti. Devi essere disposto ad investire buona parte della tua giornata in questa strategia. Non credere a chi ti promette crescite superiori ai 200 followers al giorno senza fatica. Sono tutte balle. All’inizio il lavoro da fare non mancherà: questo posso garantirtelo. Arriverà anche il momento di vivere di rendita, o quasi. Ma non subito e non facilmente.

Ricorda di specificare che servono almeno 20 gruppi. Spiega quando si accende la viralità e perché è quella (e non i gruppi veri e propri) la ragione per cui aumenti. Quindi l’obiettivo è diventare virali grazie ai gruppi. I followers cominciano ad aumentare sensibilmente quando una tua foto supera i 1000 like. Una foto con 5000 like di può regalare anche 200 nuovi followers. ll punto accendere è la viralità.

2 thoughts on “L’importanza dei gruppi su Instagram: Telegram e Direct”

    1. Buongiorno Elisa,

      Grazie per il suo commento e benvenuta sul blog. Ho già girato la sua domanda a Luca, ma nei prossimi articoli tratterò questo tema in modo più approfondito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *